Ultimo aggiornamento alle 15:54

Whatsup

Roberto Gentile,
blogger, editore, esperto di retail turistico, community-manager, head-hunter
|

Veratour, in 29 anni da 0 a 224 milioni, da Viajes Ecuador a “lovemark”

Nel ranking dei tour operator italiani al secondo posto, crocieristi e Alpitour a parte, si colloca Veratour. Un’azienda familiare, basata a Roma, con il fondatore ancora saldamente in sella, i due figli e un solo manager esterno a completare il ponte di comando.

Come ha fatto un tour operator nato dal nulla (Viajes Ecuador faceva solo incoming) a diventare la prima alternativa ad Alpitutto? Merito in buona parte di Carlo Pompili, ovvero lo  Special One di questo gustoso ritratto, che quando nel 1990 fondò Veratour, lasciò perdere l’incoming e si mise a fare il generalista.

In platea, insieme alle 140 agenzie accolte al Kelibia per la convention VeraStore, il “come ha fatto” appare abbastanza chiaro e intellegibile. Per tre motivi essenziali:

1) i Pompili conoscono il mestiere: vendere villaggi è cosa complicata, molto più di quello che la gente pensa; non sarà un caso che chi ha provato a farlo senza adeguato back-ground (un esempio per tutti, la Valtur di Investindustrial) ha preso – come si dice a Roma – delle gran tranvate. I Veraclub sono nati nel 1996, da allora Veratour fa quello, solo quello e poco altro (al generalista tocca non più del 10% del fatturato 2019): sotto alcuni aspetti è un limite (quante opportunità di crescita non sono state sfruttate?), ma 29 bilanci in utile non arrivano a caso;

2) le agenzie sono l’unico canale di vendita: “Ringrazio Veratour per l’attenzione e il rispetto che da sempre mostra nei confronti delle agenzie di viaggi; cosa non scontata, considerando le tante promesse del tour operating italiano…” afferma dal palco un agente VeraStore. Applausi. In due parole, un colpo al cerchio (la monocanalità di Veratour) e uno alla botte (la multicanalità – spesso mascherata – di altri);

3) Veraclub è il top dei villaggi e Veratour è diventato un “lovemark”: da quando VentaClub è sparito (piccola nota di rammarico per lo scrivente: nel 1996 ero in Ventaglio, il catalogo VentaClub contava una ventina di villaggi e quell’anno nasceva il primo catalogo Veraclub), dicevo, da quando VentaClub è sparito, Club Vacanze pure, TH Resorts e Bluserena cercano un loro spazio, Club Med ha scelto altri mercati e Valtur affronta oggi la prima estate targata Nicolaus, il “villaggio italiano” per antonomasia è diventato Veraclub. Si definisce “lovemark” il brand che genera una fidelizzazione che va oltre ogni ragione oggettiva e che si trasforma in una sorta di “amore” da parte del consumatore. Coca Cola, Starbucks, Apple sono “lovemark”. Chapeau alla famiglia Pompili. Che ci è riuscita tanto per meriti propri, e un po’ per come è andata la storia del tour operating italiano degli ultimi vent’anni.

Leggi anche: Veratour
/* */

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori

Torna su
Chiudi