Ultimo aggiornamento alle 15:19

Whatsup

Roberto Gentile,
blogger, editore, esperto di retail turistico, community-manager, head-hunter
|

La malinconia di Filippetti, la rinascita di Colombo, l’understatement di Isoardi

Che cosa fa un imprenditore quando smette di lavorare per l’azienda che ha fondato e condotto per decenni? Non c’è risposta univoca e per comprendere quanto ognuno faccia storia a sé, ho preso in considerazione tre giganti (lo sono stati, nel nostro piccolo mondo) del tour operating italiano: Nardo Filippetti, Eden Viaggi, dal 1983 al 2018; Bruno Colombo, Viaggi del Ventaglio, dal 1976 al 2010; Guglielmo Isoardi, Alpitour, dalla nascita al 2001.

Di Nardo Filippetti conviene leggere il sensibile ritratto, icasticamente intitolato “Malinconico Filippetti” dedicatogli in occasione della convention Uvet Travel System: “Venendo qui ho letto un cartello con scritto Eden. Non c’entrava con il turismo, ma sono sobbalzato e ho detto: Min***a!”. A due passi di distanza, ho percepito che la domanda “Ma Lei cosa prova la mattina a recarsi al lavoro e - per la prima volta dopo 32 anni - non in Eden?” ha suscitato nell’imprenditore pesarese un’emozione repentina e profonda, con groppo alla gola (e applauso della platea). La nuova avventura di Lindbergh Hotels lo riporta alle origini, ma il cuore di Filippetti è ancora in Eden.

Bruno Colombo ha segnato la storia del turismo italiano, tra gli anni ’80 e i primi 2000: di questo tutti gliene rendono atto, a prescindere dall’infausta conclusione dell’avventura de i Viaggi del Ventaglio. Dopo qualche anno di appannamento, dovuto alle drammatiche conseguenze del default del 2010, proprio al compimento degli 80 anni “il sig. Bruno” è tornato in piena forma: presente ai maggiori eventi, coinvolto nel business, consulente per imprese che gli riconoscono competenza e lucidità. Da vecchio leone, un paio di anni fa non si è lasciato scappare una zampata sul tentativo di rilancio del brand (senza di lui): “I marchi sono l’eredità dei valori coltivati e trasmessi dal loro fondatore. Non basterà acquistarli senza far propri anche quei valori”. Aveva ragione.

Guglielmo Isoardi è figlio del fondatore di Alpitour, Lorenzo Isoardi, ed è di Cuneo: due elementi che hanno segnato per sempre la personalità di quello che oggi si presenta come un gentiluomo di campagna, molto british (anche nell’abbigliamento) e con l’innato understatement. Sempre attuale il ritratto che il direttore di questa testata gli dedicò qualche anno fa: “Lui rimane nelle terre di confine. Finisce sempre la telefonata dicendo ‘Perché non viene da queste parti, così facciamo due chiacchiere?’ ". Alla recente Operazione Nostalgia, che riuniva a Cuneo oltre 200 suoi ex dipendenti e collaboratori, dopo i saluti di prammatica ha indossato il trench e si è congedato: “Vado, se no a tavola vi metto in soggezione e non potete scherzare liberamente...”. A casa, nelle terre di confine, la magnifica collezione di arte moderna gli fa probabilmente più compagnia dei remoti ricordi di Alpitour ahi ahi ahi.

/* */

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori

Torna su
Chiudi