Ultimo aggiornamento alle 12:30

Whatsup

Roberto Gentile,
blogger, editore, esperto di retail turistico, community-manager, head-hunter
|

L'inarrestabile declino del tour operator generalista

L'avvento del web e la crisi sembrano aver decretato la fine di un modello di business che ha dominato per decenni, quello del t.o. generalista.

Quando i tedeschi inventarono l'IT, negli anni '60, iniziarono dalle destinazioni più prossime: l'Italia, la Spagna, la Grecia. Poi arrivò il medio raggio con le Canarie e il primo lungo raggio con Thailandia e Kenya, quindi i Caraibi. Grazie ai charter, negli anni '90 colossi come TUI e Neckermann, Thomas Cook e Thomson programmavano praticamente tutto il mondo: da Sharm El Sheikh a Phuket, da Cancun a Zanzibar. E poi gestivano villaggi e navi da crociera, ma anche tour in autopullman e circuiti culturali.

Solo 10 anni fa, il leader TUI controllava decine di marchi, pubblicava centinaia di migliaia di cataloghi, disponeva di budget milionari per ogni prodotto. E soprattutto vendeva su svariati mercati. Ai t.o. competitor non restavano che tre opzioni: la specializzazione (i villaggi del Club Med); la difesa del proprio mercato (la Turchia per i tedeschi di Öger Tours); la trasformazione in generalista (gli svizzeri Hotelplan e Kuoni, ad esempio).

Idem in Italia: vent'anni fa erano generalisti Alpitour, non a caso "il leader italiano delle vacanze", ma anche Aviatour e Comitours, e successivamente lo sarebbero diventati Hotelplan ed Eurotravel, Ventana e Viaggi del Ventaglio. Crescere significava ampliare le destinazioni, pubblicare nuovi cataloghi, programmare Djerba ma anche Puerto Escondido.

Quindici anni fa è arrivato il web e cinque anni fa la crisi, e il mondo è cambiato. Oggi Kuoni Group annuncia la dismissione delle attività di tour operating tradizionale e si concentra sulla fornitura di servizi on line. Luca Battifora, ceo di Hotelplan Italia, dichiara: "Abbiamo ridotto il perimetro del prodotto, ora ci candidiamo a essere degli specialisti". Il colpo di grazia lo assesta Franco Gattinoni: "Il futuro è nella specializzazione, saper fare le cose per bene e differenziarsi dal web, grazie a partenze garantite o alberghi in esclusiva".

Anche da noi, infatti, a essere considerati generalisti sono rimasti solo in due: Alpitour ed Eden Viaggi, ma cum grano salis. Veratour si dedica alle gestioni, Hotelplan riduce drasticamente il portafoglio, Settemari e Best Tours si concentrano sulle destinazioni più redditizie. Tutti gli altri si specializzano: Quality Group sul tailor made, Naar sulla tecnologia, Alidays sulle esperienze di viaggio, Press Tours sui Caraibi, Idee per Viaggiare sui viaggi a colori.

Fare il generalista costa tanto e rende sempre meno. La specializzazione, almeno in teoria, il contrario. Fino alla prossima rivoluzione.

/* */

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori

Torna su
Chiudi