Ultimo aggiornamento alle 10:57

Whatsup

Roberto Gentile,
blogger, editore, esperto di retail turistico, community-manager, head-hunter
|

21 giugno 2022: perché questa sarà una bellissima estate, finalmente

Oggi, 21 giugno 2022, inizia l’estate: vi spiego perché sarà una stagione indimenticabile, per agenzie di viaggi e tour operator, compagnie aeree e croceristi. La crisi è ormai un ricordo: torneremo ai numeri dell’indimenticabile estate 2019.

Sono passati solo tre anni, ma ve la ricordate? In Italia eravamo reduci da anni di crescita inarrestabile, il Mare Italia faceva sfracelli e le città d’arte erano assaltate da orde di turisti: si parlava di 'overtourism', termine ormai in disuso.

Poi è arrivato il Covid-19. All’inizio, febbraio 2020, non gli avevamo dato molto peso, tra #milanononsiferma e l’allora presidente Trump che diceva fosse un’influenza o poco più. Invece è venuto giù il mondo, tutto intero. Contagiati a milioni e lutti a migliaia, ve le ricordate le mascherine che non si trovavano e i droni che inseguivano quelli che #iorestoacasa non lo rispettavano? Milano e Roma deserte, le spiagge vietate, i patri confini chiusi.

Le riaperture
Poi ci siamo ripresi, pian piano: l’estate 2020 ha visto una timida riapertura (“frattaglie” diceva un collega), l’inverno successivo si è rivisto un po’ di lungo raggio (apri qui, chiudi là, riapri di su, richiudi di giù) e l’estate 2021 è stata passabile (“un pasto alla mensa aziendale, per chi era abituato a pranzare in un due stelle Michelin” diceva il collega di cui sopra).

Ma questa estate 2022 sarà veramente un’altra cosa. Primo, ormai ci siamo abituati a mascherine, gel, plexiglas, distanziamento. Non ci diamo più la mano e gli abbracci sono vietati, però una strizzatina d’occhio sopra la mascherina e una gomitata vanno bene lo stesso.

Prendere l'aereo
In aeroporto ci andiamo con due passaporti: oltre a quello solito, quello sanitario; chi non ha la certificazione Covid-free sa che deve arrivare tre ore prima del volo, se va bene. Le crociere, finalmente, hanno ripreso a pieno regime: certo, capita che gli itinerari vengano modificati (in quel Paese oggi sì, ma ieri era no; in quel determinato porto è vietato attraccare per due mesi), ma ci si abitua.

Alitalia, finalmente, è risanata: la cura Caio/Lazzerini (che due anni fa era appena iniziata) è stata efficace, con 45 aeromobili e qualche migliaio di dipendenti, oggi assomiglia più a Wizzair che a quel carrozzone parastatale mangiasoldi di prima; primo utile l’anno prossimo, garantito.

Agenzie di viaggi e tour operator
I tour operator hanno fatto una bella cura dimagrante, qualcuno ha mollato, altri si sono fusi, ma ora sono più dinamici e flessibili: certo, non ci sono più alcune destinazioni (la crisi del 2020-21 ha falcidiato corrispondenti locali e Dmc, hotel e servizi in loco), ma alla fine negli Usa e in Oriente ci si può andare, e tanto basta.

Le agenzie di viaggi, infine: la profezia di Bill Gates (quando fondò Expedia, nel secolo scorso “le agenzie spariranno a breve dal mercato!”) non si è avverata. Diverse centinaia hanno chiuso, le aperture si contano sulle dita di una mano, ma il comparto resiste. Certo, un agente del 2022 assomiglia più a un epidemiologo (“qui può andare, qui no; lì deve portarsi il test sierologico, là l’amuchina da casa”) e a un legale (“allora, se il Suo hotel è a distanza di 9 km da un focolaio, ottiene il rimborso della vacanza; se invece è a 11 km, niente rimborso”), ma ci sta pure questo.

Buona estate 2022.

/* */

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori

Torna su
Chiudi