Ultimo aggiornamento alle 12:32

Whatsup

Roberto Gentile,
blogger, editore, esperto di retail turistico, community-manager, head-hunter
|

Estate 2019: a t.o. e agenzie è andata meglio di quanto si pensasse (per fortuna)

Autunno, tempo di bilanci. Come è andata questa estate, per tour operator e agenzie italiane? Meglio di quanto molti pensassero, all’inizio. Secondo me, per quattro buoni motivi:

1. Nessun t.o. (importante) è saltato - Abbiamo trascorso estati raccogliendo i cocci della rottura di qualche t.o. spazzato via dal mercato: non faccio nomi, tanto sono noti. L’estate 2019 è andata via liscia, invece. Anzi, per alcuni tour operator (cito solo Eden Viaggi e Quality Group) è stata addirittura brillante. Ho puntualizzato “t.o. importante” perché tra quelli che lo sono meno, nonostante il pregevole passato, due hanno abbandonato il campo: Best Tours e Viaggi di Atlantide, entrambi riconducibili al portafoglio Arkus Network, ora alle prese anche con lo sciopero dei dipendenti Amandatour. Possiamo attribuire agli azionisti del Gruppo con base a Roma la medesima “hýbris” (tracotanza, superbia) che ha colpito il Capitano Salvini? Forse sì, visto che erano partiti dall’aspirazione a costituire il “terzo polo” del tour operating italiano. Non vorrei scadere nella “Schadenfreude” (questa non la traduco), ma pare stiano peggio, molto peggio, gli stranieri: dal secondo t.o. europeo alla divisione iberica di un glorioso t.o. svizzero: chi l’avrebbe detto, solo qualche anno fa?!

2. Il Mare Italia ha tenuto, nonostante tutto - Dopo la pioggia di prenotazioni (e di denaro) inaspettatamente piovuta grazie al mega-ponte di primavera, giugno è stato avaro e luglio è partito in ritardo, ma agosto e la coda di stagione hanno tenuto. Il Mare Italia, soprattutto, è riuscito a riempire le camere (ovvio, non come nel triennio precedente, ma si sapeva) e a non sbracare sui prezzi. Ergo, in agenzia non si sono viste le “offerte parenti-amici-dipendenti” del 2 o del 9 agosto, che in passato devastavano il venduto in advance. Anzi, forse proprio grazie all’abitudine di prenotare per tempo, sempre più clienti han capito che in agenzia conviene andarci a marzo, anziché a fine luglio.  

3. Il Mar Rosso e la Tunisia hanno venduto, non STRAvenduto - Tutti i maggiori t.o. hanno ripreso la programmazione sul Mar Rosso e (più timidamente) sulla Tunisia, come già nel 2018, ma i numeri (e i margini) sono lontani da quelli dei tempi d’oro. La sensazione (personale, quindi opinabile) è una, anzi, due: primo, che coloro che programmano quei Paesi siano rimasti scottati dalle vicende degli anni scorsi, quindi hanno investito e rischiato più che nel recente passato, ma sempre “Pedro, adelante con juicio”. Perché ci vuole un attimo a riportare alla mente immagini che vogliamo tutti dimenticare. Secondo, Egitto e Tunisia stanno diventando un mercato per clientela con mezzi modesti: chi non può permettersi la Sardegna o Ibiza, ma neanche la Calabria o Creta, qualche centinaio di euro per Sharm o Sousse lo trova, alla fine. Con la conseguenza, però, che diventa una guerra tra poveri, per strapparsi clienti che prendono un 490 euro contro un 499: e i margini (già ridotti) vanno a farsi benedire.   

4. Le agenzie vendono, e il web pure - Lo dicevamo agli albori della rete: in Italia, si vendono on line i prodotti banalizzati (voli point-to-point e camere d’albergo), mentre off line si vendono prodotti complessi (tour, pacchetti, viaggi di nozze, gruppi). Una volta tanto ci abbiamo azzeccato: sono passati 15 anni e - sebbene i fatturati delle OLTA crescano a dismisura e il numero di t.o. e agenzie si sia nel frattempo dimezzato - la ripartizione appare ancora netta. Prendiamo solo l’outgoing sugli USA: pur con tutte le piattaforme disponibili on line, a comandare sono sempre i soliti (Viaggidea, Alidays, Naar, Quality Group) e ogni anno crescono. Ergo, per un commercialista brianzolo che si fa bidonare da un affittacamere greco e da Airbnb, ci sono migliaia di clienti che in agenzia ci vanno ancora. E molti ci sono pure tornati, dopo qualche disavventura digitale...

/* */

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori

Torna su
Chiudi