Ultimo aggiornamento alle 09:16

Whatsup

Roberto Gentile, editore, blogger, consulente, head-hunter
|

La Spagna ha fatto 82 milioni di arrivi? Noi ci teniamo volentieri i nostri 58

Tutti hanno letto la storia dei quattro studenti giapponesi, residenti a Bologna, che a dicembre hanno pagato un conto di 1.143 euro, per tre bistecche e una frittura di pesce (senza neanche lo scontrino fiscale), nell’ “Osteria da Luca” a Venezia. Trattandosi di studenti (e non di pensionati ottuagenari) un’occhiata a TripAdvisor avrebbero potuto darla, scoprendo così che il locale ha il 90% (!) di recensioni negative.

Si tratta di studenti giapponesi, residenti a Bologna, quindi ragazzi acculturati in gita (probabilmente di un giorno) in una delle città più belle del mondo, che a visitarla tutta ci vuole una settimana. Domanda: ma perché questi quattro hanno trascorso non meno di un paio d’ore attovagliati in osteria, anziché mangiarsi un panino portato da casa e spendere il tempo a disposizione per visitare Palazzo Ducale e la Basilica, le Gallerie dell’Accademia o il Museo Correr? Ve lo dico io: perché a questa orda di turisti interessa di più postare su Instagram la foto della frittura di pesce e farsi un selfie con l’oste (non) italiano. Altro che perdere tempo con Giorgione e il Canaletto.

Questa è la tipologia di turisti che invade le nostre città (ne ho già scritto mesi fa), questa è la gente che alimenta i numeri folli che causano l’overtourism.

L’ho scritto e lo ripeto: questa gente, nelle nostre Venezia e Firenze, a Roma e a Taormina, non la vogliamo. Non per loro, poverini, ma per l’effetto devastante che un turismo ignorante e selfie-dipendente provoca nei centri storici di queste città: desertificazione commerciale (via le botteghe, dentro i kebabbari) e alberghiera (i 3 stelle stanno sparendo, cancellati dagli Airbnb), ma soprattutto terreno fertile per le “Osterie da Luca” e i wine bar da 10 euro a calice di rosso (in brik da supermercato).

Nel 2017 l’Italia ha raggiunto 58 milioni di turisti internazionali, il 4% in più rispetto al 2016. Uno dei nostri competitor, la Spagna, nel 2017 ha accolto 82 milioni di visitatori internazionali (più 9% rispetto al 2016), risultando il Paese europeo a maggior crescita nella classifica del turismo mondiale. Nel frattempo, la Cnn include Venezia tra le 12 mete da evitare, causa eccesso di turisti.

Proposta: facciamo che un turista straniero, per meritarsi di visitare Venezia o Firenze, debba adeguatamente acculturarsi in destinazioni più facili. Chessò, Disneyland (Parigi o Orlando, è uguale) e Torremolinos, Sharm El Sheikh e Malindi, Cancun e Pattaya. Ecco, superati questi duri ostacoli, un Giorgione o un Canaletto può pure venirseli a vedere.

/* */

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori

Torna su
Chiudi