Ultimo aggiornamento alle 11:26

Whatsup

Roberto Gentile,
blogger, editore, esperto di retail turistico, community-manager, head-hunter
|

Je suis Alitalia

Il 4 giugno è una data importante per Alitalia: viene presentata la nuova livrea, che sancisce il rinnovamento dell’immagine e del servizio. L’ennesimo? Sì, l’ennesimo, perché le cronache sono piene – dai “cavalieri coraggiosi” in poi – di tentativi (vani) di rilanciare una compagnia che naviga da anni in cattive acque.

In passato, non ho lesinato critiche (vedasi “Le 5 cose più odiose che ci auguriamo la nuova Alitalia NON faccia”). Ora basta. Je suis Alitalia. Siamo tutti Alitalia. Ecco 5 motivi per esserlo, ora più che mai:

1) straniero vade retro: in Francia comanda Air France, in Germania impera Lufthansa, da noi – per la prima volta, nel 2014 – i passeggeri trasportati da Ryanair sono stati più di quelli di Alitalia. In Germania e in Francia non sarebbe successo, mai. Allora riprendiamo a vendere Alitalia, non foss’altro perché le tasse le paga in Italia.

2) mai state “rami secchi”, le agenzie per Alitalia: finché non gli facevano comodo, Ryanair dava dei “rami secchi” alle agenzie e easyJet le dichiarava nemiche. Poi il vento è cambiato, al punto che Volotea oggi pare diventata “amica delle agenzie” (è un collega a dirlo, l’Agente in Laguna). Alitalia, anche nei momenti più bui, non ha mai dato dei “rami secchi” alle agenzie.

3) basta 8 direttori commerciali in 5 anni: scommetto che nessuno ricorda tutti i nomi, ma dal 2009 in poi si sono avvicendati 8 (!) direttori commerciali/vendite al vertice di Alitalia; dal 2015, tocca ad Ariodante Valeri, manager concreto ed esperto, fortemente voluto dall’a.d. Cassano e dal CEO Etihad, James Hogan; è partito bene (“Agenzie di viaggi e t.o. continueranno a essere il nostro principale canale di vendita”), facciamolo lavorare.

4) via le rotte in perdita: lo hanno insegnato le low cost, una tratta che non fa utili si cancella, e buonanotte; alla faccia degli accordi con l’aeroporto o la comunità locale. Business is business. Per la vecchia Alitalia, mantenere rotte in perdita era un’abitudine, non ci faceva più caso nessuno. I nuovi capi AZ hanno capito che il bacino d’utenza di una Cuneo o di una Voghera non giustifica sperpero di denaro (non più pubblico). Era ora. Speriamo resistano alle (inevitabili) pressioni dei politici locali.

5) Alitalia è casa: chi ha più di quarant’anni se lo ricorda ancora, cosa provavi all’imbarco in un aeroporto dall’altra parte del mondo, per tornare a casa… Salivi a bordo, venivi  accolto da una bella ragazza (italiana) con un “buongiorno” (in italiano!), tiravi su un quotidiano (in italiano!! e solo del giorno prima) e all’annuncio “Benvenuti a bordo da Alitalia” ti venivano i lucciconi…

Leggi anche: Alitalia
/* */

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori

Torna su
Chiudi