Ultimo aggiornamento alle 12:04

Viaggi di marketing

Paola Tournour-Viron, divulgatrice per professione e per passione
|

Lo sguardo del viaggiatore sulla nuova estate dal volto mascherato

Chi è abituato ad usarli come strumenti di lavoro l’ha capito da mesi. Gli occhi e lo sguardo hanno assunto una valenza relazionale fortissima in questo tempo di abbracci trattenuti e di sorrisi schermati.

Lo aveva segnalato in un tweet Jacopo Veneziani, professore di storia dell’arte alla Sorbona e volto ormai noto della televisione. “Ci pensavo oggi al supermercato – cinguettava lo scorso settembre – L’uso quotidiano della mascherina ha ridato centralità al ruolo dello sguardo nelle relazioni sociali”. La sua riflessione proseguiva ricordando come a far parlare tele e affreschi siano infatti spesso “reticolati di sguardi che svelano il senso delle scene”.

Perché gli occhi possono parlare, talvolta più e meglio delle labbra. E questo lo sanno bene anche gli esperti di processi educativi e formativi, che in vista di una nuova estate dal volto mascherato, invitano tutti noi a concentrarci sul potere comunicativo degli occhi. Vale per gestire le relazioni con i viaggiatori di qualunque età e vale in ogni occasione di contatto – dalla reception al ristorante, alle attività outdoor -, ma in modo particolare vale per chiunque nei prossimi mesi si occupi di accogliere e intrattenere bambini e ragazzi. “È chiaro che quelle che ci aspettano non potranno ancora essere le vacanze di un tempo – chiarisce da subito Luisa Piarulli, docente di pedagogia all’Università Cattolica di Milano -. In questo inverno a tutti noi è mancato il contatto, è mancato il dialogo, è mancata la relazione. Ma il covid ha obbligato anche i più giovani alla distanza emotiva, alla distanza sociale, alla distanza nel gioco. Ed è questa la mancanza che, anche attraverso le vacanze, bisognerà assolutamente recuperare”.

Ma quale ruolo possono avere in tutto ciò i territori, gli operatori e le strutture del turismo? “Ci vorranno tanto spirito creativo e grande iniziativa – dice Piarulli -. Imprese e intrattenitori dovranno metterci davvero tanta buona volontà, molto più di quanto già abitualmente facciano, e organizzare momenti ludici che comprendano però anche ampi spazi dedicati alla narrazione. In questa situazione non fa bene fingere che nulla sia accaduto. Bambini e ragazzi hanno invece bisogno di raccontare cosa hanno provato in questi mesi; molto più di noi adulti hanno bisogno di condividere le esperienze con i coetanei che non hanno potuto incontrare nei luoghi abituali, per non sentirsi soli”. Quale sarà allora per piccoli e grandi la parola dell’estate? “La parola chiave è relazione. Bisogna inventare occasioni per rimettersi in relazione con l’altro, per riscoprire la bellezza del contatto, che non è necessariamente solo fisico. Proviamo a incentivare le attività che lavorano sul movimento, sulla postura, sulla mimica. E soprattutto proviamo a lavorare sullo sguardo e sugli occhi. Anche se non ci potremo toccare potremo fare molte altre cose che ci faranno sentire vicini. E quindi più forti”.

/* */

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori

Torna su
Chiudi