Ultimo aggiornamento alle 10:12

Viaggi di marketing

Paola Tournour-Viron, divulgatrice per professione e per passione
|

Pavan Sukhdev e la nuova Eco-nomia del turismo

In un momento di innegabile ‘liquidità’ del mondo del tour operating, dove vecchio e nuovo si avvicendano con fortune alterne, non sarà certo la notizia che il WWF Italia si adopererà nella pacchettizzazione di viaggi a preoccupare un comparto ormai ben corazzato contro gli urti della competizione.

Ciò che invece andrebbe valutato con attenzione è quanto dichiarato dal 57enne neopresidente WWF International, Pavan Sukhdev, già economista e banchiere, in una recentissima intervista all’agenzia France Presse, poi ripresa da Sciences et Avenir. Perché la sua è una visione che ben poco ha a che fare con il vile denaro cui, alla luce del suo trascorso professionale, lo si penserebbe votato.

“Il fatto che per sopravvivere io debba respirare – ha dichiarato in apertura di intervista – non significa che respirare sia il mio obiettivo di vita. Lo stesso vale per le aziende: il fatto che debbano fare profitto per sopravvivere non significa che questa sia la loro unica missione; il profitto è solo una parte del meccanismo su cui si basa l’attività imprenditoriale”.

La sua linea di pensiero si fonda sul fatto che se producendo una vettura si rende felice il fabbricante – che fa utile - e la persona che di quella vettura ha necessità, è altrettanto certo che si renderanno infelici molti altri soggetti che soffriranno per l’inquinamento dell’aria o che subiranno pesantemente le conseguenze del cambiamento climatico. “Chi fa impresa oggi – dice – non può più permettersi di trascurare gli effetti collaterali del proprio operato”.  Dopo anni trascorsi a dirigere banche ma reduce dalla direzione di Onu Environment cui si è dedicato per assecondare un’atavica vocazione ecologistica, l’economista indiano difende strenuamente il valore del ‘capitale naturale’ che, come sappiamo, è anche capitale turistico.

Dunque, più che curarsi della competizione sul fronte del prodotto, sarà importante osservare se e come l’articolazione italiana del Fondo seguirà i precetti del presidente, per il quale limitare i danni fatti al pianeta sarebbe ormai per tutti “un imperativo morale ed economico”.

Se ciò avverrà, ci sarà – per chi vorrà - una nuova buona prassi da emulare. Contribuendo così a ridurre quella che Pavan Sukhdev chiama ‘erosione della biodiversità’, che peraltro ha un costo stimato tra i 1350 e i 3100 miliardi di euro l’anno. “Un problema – dice – forse non ancora ben chiaro a tutti”.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori

Torna su
Chiudi