Ultimo aggiornamento alle 11:31
|

Terzo trimestre in rallentamento per i conti di Ryanair

È da imputare soprattutto al taglio del costo dei biglietti aerei la perdita registrata da Ryanair nel terzo trimestre 2013.

Il calo dei profitti netti è stato di 35,2 milioni di euro, in raffronto con un profitto di 18,1 milioni di euro dell'anno precedente.

Una diretta conseguenza, spiega il vettore, della contrazione dei prezzi dei biglietti aerei per circa 1000 rotte e della messa a terra di 70 aerei, per far fronte all'aumento della competitività del mercato e alla diminuzione della domanda nel periodo invernale.

Grazie a questa misura il numero dei passeggeri è aumentato del 6 per cento, mentre i ricavi non provenienti dalla vendita dei biglietti aerei sono saliti del 13 per cento; un incremento dovuto alla maggiore richiesta di posti riservati e di imbarco prioritario.

Micheal O’Leary, ceo Ryanair (nella foto), ha affermato che l’obiettivo del vettore è raggiungere i 510 milioni di profitti per l'anno fiscale al 31 marzo e che le prenotazioni del primo trimestre dell'anno fiscale 2015 sono più numerose di quelle dell'anno precedente, grazie alla data in cui cade Pasqua.

Leggi anche: Ryanair, michael O'Leary
/* */

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


Torna su
Chiudi