Ultimo aggiornamento alle 10:05
|

Commissioni
e pricing
La doppia via
di Costa

di Sara Carè

Commissioni più alte per le agenzie di viaggi e un ritorno del pricing a livelli di normalità. Sono questi i due punti focali sui quali si sta concentrando la strategia di Costa Crociere.

"Vogliamo tornare ai livelli del 2011 - ha detto il direttore commerciale e marketing Italia, Carlo Schiavon, nel corso di Protagonisti del Mare a bordo di Costa Luminosa -, e intendiamo farlo nel più breve tempo possibile, anche se è difficile. La seconda metà del 2013 ha registrato segnali positivi. Abbiamo, infatti, assistito a un'inversione di tendenza fondamentale che si sta mantenendo anche nel 2014".

Il traguardo, però, non può essere raggiunto senza il supporto delle agenzie, è la convinzione di Costa Crociere, che quindi intende lavorare sull'incremento della marginalità dei dettaglianti: "Quest'anno abbiamo deciso di concedere remunerazioni più consistenti alle adv che punteranno dritto sulle vendite di qualità" spiega il manager che, a questo proposito, mette anche in evidenza "l 'aumento delle commissioni sui pacchetti fly & cruise".

Intanto, sul fronte dati, "il bilancio dei primi quattro mesi dell'anno ha registrato risultati molto positivi - sottolinea -. Il mercato Italia ha segnato un incremento del 51 per cento rispetto allo stesso periodo del 2013". Un successo, quello del settore crocieristico, che trova un'ulteriore conferma nelle prenotazioni anticipate: "Le partenze nel 2014 hanno raggiunto una media di anticipo di circa quattro mesi e mezzo" precisa, infatti, Carlo Schiavon.

/* */

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


Torna su
Chiudi