Ultimo aggiornamento alle 10:13

ottomilanovantadue

Cristina Peroglio, giornalista di TTG Italia
|

A Valloria si fa baldoria

Quando arrivo a casa la sera inizia una sorta di rituale che credo di poter condividere con quasi tutti i genitori: l'esame della cartella.

"Hai fatto tutto? Hai letto storia? Hai ripassato scienze? Geometria?". Insomma, sapete tutti come funziona.

Spostando i libri di mia figlia, che è in terza elementare, mi sono resa conto di quanti siano. Uno per storia e geografia, uno per italiano, uno per matematica e scienze, e così via.

Io avevo il libro di lettura. E il sussidiario.

Il sussidiario era questo incredibile compendio di scienza che mi affascinava tanto. Sul mio sussidiario, nella parte dedicata alla geografia, ricordo una frase: 'l'Italia è un museo a cielo aperto'. Ce l'ho stampata in testa e mi risuona tutte le volte che viaggio per il Paese.

Secondo me, i soci dell'Associazione Tre Fontane, quella degli amici di Valloria, avevano il mio stesso sussidiario alle elementari. E lo hanno preso alla lettera.

Mi spiego. Valloria è un borgo dell'entroterra ligure, in provincia di Imperia. Conta 47 abitanti. E un'associazione che un bel giorno ha riletto il sussidiario e ha detto: "Un museo a cielo aperto? Facciamolo!". Era il 1994.

Da quell'anno, artisti italiani e stranieri vengono invitati nel borgo durante una delle feste di paese che l'associazione organizza. E gli viene chiesto di dipingere una porta. Di una casa, di un fienile, di una vecchia stalla.

Sono 139 le porte dipinte, che creano un percorso nell'arte inedito e sorprendente.

All'inizio del mese di luglio, arriveranno 4 nuovi artisti a dipingere altre porte.
Durante la festa, che si chiama: 'A Valloria si fa baldoria'.
C'è anche il ballo a palchetto.

Devo dirvi altro?

twitter @cperoglio

Leggi anche: liguria
/* */

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori

Torna su
Chiudi