Ultimo aggiornamento alle 10:13

L'isola fiscale

Giulio Benedetti, Dottore Commercialista
|

Nuovi crediti d'imposta per chi investe sulla digitalizzazione e sulla riqualificazione delle strutture

“Il Fisco dà (finalmente) credito al settore turismo”: possiamo sintetizzare con questa frase i nuovi “crediti d’imposta” che alcune tipologie di operatori (principalmente strutture alberghiere e agenzie viaggi e tour operator specializzati nell’incoming) potranno richiedere all’Agenzia delle Entrate: fino ad euro 60.000,00 (per le strutture alberghiere) ed euro 3.750,00 (per adv e t.o.) di crediti fiscali utilizzabili sul modello F24 a diretta diminuzione di imposte e tasse dovute.

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della Legge n.106/14 è definitivo il quadro di incentivi per il miglioramento delle strutture alberghiere, oltre che la digitalizzazione delle strutture ricettive e degli operatori turistici: vediamoli brevemente.

Il credito di imposta per la riqualificazione delle strutture alberghiere
Alle imprese alberghiere è riconosciuto un credito di imposta nella misura del 30% delle spese sostenute negli anni 2014,2015 e 2016 (limite massimo di spesa: euro 200.000,00) relativamente ad interventi di ristrutturazione edilizia, manutenzione straordinaria, restauro, risanamento conservativo, eliminazione delle barriere architettoniche e incremento dell’efficienza energetica. Il credito di imposta è esteso anche agli acquisti di mobili e componenti d’arredo destinati all’albergo oggetto di uno degli interventi menzionati.

Il credito di imposta per la digitalizzazione delle strutture ricettive
A favore degli esercizi ricettivi, è riconosciuto un credito d’imposta nella misura del 30% dei costi sostenuti negli anni 2014, 2015 e 2016 (limite massimo di spesa: euro 12.500,00) per investimenti e attività di sviluppo legate alla digitalizzazione.
La misura, estesa anche alle agenzie di viaggi e ai tour operator specializzati nel turismo incoming, è concessa con riferimento alle spese relative a:
a)        impianti wi-fi;
b)        siti web ottimizzati per il sistema mobile;
c)         programmi e sistemi informatici per la vendita diretta di servizi e pernottamenti, purché in grado di garantire gli standard di interoperabilità necessari all’integrazione con siti e portali di promozione pubblici e privati e di favorire l’integrazione fra servizi ricettivi ed extra-ricettivi per la vendita diretta di servizi e pernottamenti e la distribuzione sui canali digitali;
d)        spazi e pubblicità per la promozione e commercializzazione di servizi e pernottamenti turistici sui siti e piattaforme informatiche specializzate, anche gestite da tour operator e agenzie di viaggio;
e)        servizi di consulenza per la comunicazione e il marketing digitale;
f)         strumenti per la promozione digitale di proposte e offerte innovative in tema di inclusione e di ospitalità per persone con disabilità;
g)        servizi relativi alla formazione del titolare o del personale dipendente ai fini di quanto previsto dal presente comma.

Si attende il decreto attuativo di tali previsioni di legge, in modo da poter avere istruzioni dirette e precise su come richiedere i crediti d’imposta spettanti.

Leggi anche: Fisco
/* */

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori

Torna su
Chiudi