Ultimo aggiornamento alle 08:47
|

Tahiti Tourisme investe sul mercato europeo e rilancia sul 2022

Tahiti continua a puntare e investire sul mercato europeo. Jean-Marc Mocellin, direttore di Tahiti Tourisme, accompagnato dal suo team e da una delegazione di partner polinesiani ha preso parte a un tour europeo, incontrando 209 tour operator e agenzie nelle città di Barcellona, Madrid, Londra, Zurigo, Milano e Roma.

I tour volevano fare il punto sulla rete di distribuzione per rassicurare sullo sviluppo della situazione sanitaria e turistica delle Isole di Tahiti. Era anche importante rispondere alle domande e ottenere consigli e feedback sugli ultimi 18 mesi e sulle tendenze future.

L’ iniziativa è stata molto apprezzata dai tour operator europei poiché, "Le Isole di Tahiti sono state la prima destinazione a muoversi per incontrare i partner per un anno e mezzo. Per la stragrande maggioranza dei partecipanti, questo roadshow europeo è stato il primo evento professionale in presenza” ha detto Jean-Marc Mocellin. L'obiettivo era anche fare il punto sulla situazione sanitaria di Tahiti, con la progressione del tasso di vaccinazione della popolazione contro il Covid-19 e con la mobilitazione del settore turistico polinesiano per garantire ai visitatori internazionali un soggiorno di qualità, ad esempio attraverso il Safety Ambassador Program.

“I tour operator hanno confermato che le Isole di Tahiti continuano ad attrarre clienti europei e che le richieste di informazioni sulla destinazione sono in aumento. Ci sono anche prenotazioni last minute, che vanno da due a un mese prima della partenza. Le prenotazioni si concentrano attualmente su media e alta stagione del 2022, mentre per la bassa stagione rimangono timide. Il timore di una nuova chiusura delle frontiere o di modifiche ai protocolli è ancora molto presente e costituisce un freno alle prenotazioni nonostante le buone condizioni sanitarie della destinazione e la revoca delle restrizioni di viaggio all'interno del territorio” ha aggiunto Gina Bunton, direttore delle operazioni internazionali di Tahiti Tourisme.
Gli incontri sono stati l’occasione per rispondere alle preoccupazioni dei tour operator sullo stato del settore turistico polinesiano e fornire aggiornamenti sui nuovi prodotti disponibili nella destinazione, per conoscere le principali motivazioni di viaggio e per offrire strumenti e informazioni appropriati.

"In effetti, il mercato outbound europeo rappresenta, dopo gli Stati Uniti e la Francia, una fonte di arrivi turistici che dovrebbe essere sostenuta rafforzando la cooperazione marketing e la reputazione della destinazione in questa regione, per far fronte all'aggressiva concorrenza delle destinazioni nell'Oceano Indiano e alla riapertura dei concorrenti del Sud Pacifico come le Fiji" ha chiuso Verly Atae, responsabile per le regioni Europa e Sud America di Tahiti Tourisme.

Leggi anche: Tahiti
/* */

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


Torna su
Chiudi