Ultimo aggiornamento alle 08:03
|

Le richieste
del turismo Usa
a Joe Biden

di Oriana Davini

Arriva dall'American Society of Travel Advisors (Asta) l'elenco delle richieste a Joe Biden (nella foto) per l'industria dei viaggi statunitense.

Priorità dell'associazione, si legge su Travel Agent Central è l'approvazione il prima possibile di un disegno di legge di soccorso alle aziende danneggiate dal Covid-19, visto che il Cares Act, approvato lo scorso marzo, è già esaurito da tempo.

Sul fronte crociere, attualmente ferme negli Stati Uniti, sembrerebbe esserci uno spiraglio per una graduale ripartenza del settore: i Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (Cdc), infatti, qualche giorno prima dell'election day hanno sostituito il 'No Sail Order' con un quadro che lascia intendere una possibile ripartenza. Si tratta, ha commentato Asta, "di una pietra miliare per rimettere in moto tutto il settore dei viaggi, anche se a causa delle misure rigorose le prime partenze non avranno luogo fino al prossimo anno".

La questione Cuba
Un altro fronte caldo riguarda Cuba: Trump ha cancellato le aperture dell'amministrazione Obama ma con Biden le cose potrebbero cambiare e i viaggi verso Cuba potrebbero rientrare nella mappa delle destinazioni di vacanza americane.

"Ci sono altre questioni fondamentali per la ripresa del settore dei viaggi tra cui lavorare con i governi stranieri per districare la moltitudine di restrizioni sui viaggi internazionali´.

/* */

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


Torna su
Chiudi