Ultimo aggiornamento alle 11:01
|

La Tunisia riparte: tutte le rotte e gli investimenti sull'Italia

di Gaia Guarino

"Continuiamo a credere nell'Italia". Racconta così la ripresa dei flussi verso la Tunisia il ministro del Turismo e dell'Artigianato, René Trabelsi (nella foto), che spinge sull'acceleratore per far ripartire il turismo tricolore.

Una ripartenza sostenuta dalle scelte di Tunisair e Tunisair Express che operano in totale 37 voli settimanali, dal ritorno dei charter da Milano Malpensa, Bergamo, Napoli, Verona, Bologna e Roma verso Djerba, Monastir e Tunisi, nonché i 14 voli a settimana di Alitalia. "La domanda sulla destinazione sta crescendo e bisogna farsi trovare pronti" puntualizza Trabelsi.

"Inoltre - aggiunge - anche i tour operator stanno riportando gli italiani in Tunisia, in zone come il Sahara, ad esempio, ma anche in aree che dopo la crisi interna, sono stata finalmente riaperte". Non mancano infine, gli investimenti nell'hotellerie con il ritorno di marchi internazionali come il The Residence a Douz che aprirà a ottobre, ma anche Accor con il suo brand Sofitel, Marriott, Ritz Carlton e Four Seasons.

Leggi anche: Tunisia
/* */

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


Torna su
Chiudi