Ultimo aggiornamento alle 11:11
|

L'incertezza frena la voglia di viaggiare: scende l'indice di fiducia

Resta in territorio positivo, ma non è alto come quello di agosto, il dato relativo alla propensione ai viaggi degli italiani. Lo rileva l’Osservatorio Confturismo-Istituo Piepoli, che quantifica in 62 punti l’indice di fiducia dei nostri connazionali, in forte diminuzione rispetto al dato di agosto.

Una frenata che, secondo il parere del presidente di Confturismo Luca Patanè, “evidenzia come le incertezze globali e politiche frenino l’Italia e impattino negativamente sul turismo”. I prossimi mesi saranno caratterizzati da vacanze più brevi, in media 3,9 notti per viaggio.

Al tempo stesso, vista la stagionalità, si consolida il turismo nelle città d’arte: nel prossimo trimestre le sceglierà quasi un italiano su due. Per quanto riguarda, invece, le regioni preferite, otto italiani su dieci preferiscono l’Italia come meta per i prossimi tre mesi, con Toscana, Trentino-Alto Adige e Lombardia sul podio.

Leggi anche: confturismo
/* */

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


Torna su
Chiudi