Ultimo aggiornamento alle 17:33

Il commento del direttore

Remo Vangelista, Direttore TTG Italia
|

Aria di burrasca

Tira aria di tempesta. Le bozze del nuovo decreto girano a razzo. Le associazioni e le aziende leggono e rileggono ma trovano poco o niente. Ma come? Per settimane si è detto che sarebbero arrivati gli aiuti richiesti. Che il comparto insieme alla ristorazione stava subendo il colpo più duro. E poi niente.

Ieri pomeriggio i telefoni erano bollenti tra tour operator furibondi e network di agenzie che cercavano di trovare qualche appiglio nel lungo documento. E invece la nebbia più fitta e la sensazione di esser lasciati soli dopo tanti appelli in tv e le presenze nei talk.

In fondo questa volta il settore è uscito allo scoperto, ha fatto gruppo come non mai. Sul fronte della comunicazione è addirittura riuscito a penetrare nei principali contenitori televisivi.
Ma evidentemente non è bastato perché la coperta del Governo non è corta, ma cortissima. Così quando è stato ora di sacrificare settori ha pensato bene che quel 13% del Pil (sbandierato ovunque) poteva fare da solo.

Ora mancano poche ore all’annuncio del nuovo decreto e, salvo colpi di scena, non arriverà quanto promesso.

Sul voucher che pare diventata la grande medicina del comparto vedremo se e quanto peserà. Ma vi sono già vincoli e limiti e poi in agenzia non passerà quasi mai. Presto avremo un quadro preciso. Speriamo di aver sbagliato a pensare male, di aver letto tutti le bozze del decreto senza attenzione. Sarebbe bellissimo.

/* */

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA


Torna su
Chiudi