Ultimo aggiornamento alle 10:40

Il commento del direttore

Remo Vangelista, Direttore TTG Italia
|

Il petrolio che spaventa le compagnie aeree

Si rivede O’Leary. Torna a dispensare sentenze e consigli dopo qualche periodo di silenzio. Il ceo di Ryanair durante la presentazione dei risultati di esercizio ha spiegato infatti che la risalita del prezzo del petrolio farà vittime. Lui, forte della crescita degli utili nel bilancio 2017-2018  (1,45 mld di euro in aumento del 10%), ha detto che il fuel farà presto vittime.

Il carburante sta infatti da tempo risalendo la china e sui conti di qualche vettore s’intravede già qualche crepa. “Alcune compagnie non fanno utili con il petrolio a 40 dollari al barile, se arrivano a 80-100 qualcuno dovrà chiudere”. Insomma, il solito Michael O’Leary, salvo che questa volta potrebbe avere ragione perché nel corso degli anni il petrolio ha sempre giocato un ruolo fondamentale nella salute delle linee aeree.

Ora la forte concorrenza su alcuni mercati e il trend del greggio potrebbe rimettere ordine su alcune tratte. Con qualche inevitabile uscita di scena.

Twitter @removangelista

Leggi anche: Ryanair
/* */

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA


Torna su
Chiudi