Ultimo aggiornamento alle 12:28

Il commento del direttore

Remo Vangelista, Direttore TTG Italia
|

I numeri del Mar Rosso che fanno discutere

I numeri non mentono. O, meglio, in tante occasioni inquadrano la situazione e il momento alla perfezione. Per questo l’inchiesta del nostro giornale traccia il momento della destinazione Egitto con buona precisione.

Egitto, vuole dire ancora Mar Rosso e su questo crediamo che non vi siano contestazioni. Il prodotto un tempo funzionava per servizio, remunerazione di tour operator e agenzie e grado di soddisfazione dei clienti. Poi sappiamo bene che nelle ultime stagioni la meta ha subito un tracollo pesante e una ripresa lenta (con qualche stop).

In mezzo molti tour operator hanno chiuso le attività perché troppo sbilanciati sul Mar Rosso e altri hanno visto ridursi il perimetro di azione.

Oggi la ripresa appare più strutturata rispetto alle scorse stagioni, ma dal sondaggio TTG emergono alcune situazioni da risolvere. Le adv chiedono prodotto aggiuntivo. I tour operator ovviamente sono più tiepidi perché le “ferite” del passato fanno ancora male. Ma nelle varie convention dei network sarebbe bene affrontare il tema in maniera seria e strutturata. Noi abbiamo aperto la discussione e lasciato spazio alle parti. Servono risposte.

Leggi anche: Mar Rosso

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA


Torna su
Chiudi