Ultimo aggiornamento alle 08:20
|

L'inflazione avanza senza freni
Forti ripercussioni sul turismo

L'inflazione non risparmia le vacanze degli italiani. Nell'anno della ripresa dei viaggi internazionali e del turismo organizzato, l'aumento dei prezzi in generale sta segnando livelli che non si vedevano da oltre 3 decenni. E tra i settori in cui le tariffe corrono di più c'è proprio il turismo.

Dati Istat alla mano, il tasso di inflazione in Italia a maggio è arrivato al 6,8%, come riporta corriere.it, una percentale che non si registrava dall'ormai lontano 1990. Ma gli incrementi per il turismo superano, e di molto, la media generale.

L'impennata dei voli
Il record spetta ai voli internazionali, i cui prezzi, secondo le stime Assoutenti riprese dal sito del quotidiano, sono cresciuti anno su anno del 103,3%. In altri termini, sono più che raddoppiati.

Bisogna tuttavia precisare che il confronto con lo scorso anno va preso con le pinze, dal momento che nel 2021 i viaggi internazioali erano ancora sostanzialmente fermi e dunque il crollo della domanda aveva trascinato verso il basso anche le tariffe.

Ma i voli nazionali, seppur in maniera contenuta, registrano anche loro un incremento ben oltre la media complessiva: +21,4%. Non si salva nemmeno il noleggio auto, che cresce del 22,1%.

Anche il ricettivo corre, seppur in maniera più limitata; ma quel +14,1% lascia a intendere che l'estate non sarà di certo a prezzi di saldo. I pacchetti vacanza internazionali invece limitano l'aumento all'8,6%, avvicinandosi alla media complessiva delle tariffe.

/* */

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


Torna su
Chiudi